IC FIDENAE

Cittadinanza attiva con Workabile

Print Friendly, PDF & Email

Per il terzo anno consecutivo i giovani dell’associazione Workabile hanno dato l’avvio al percorso di cittadinanza attiva pensato e proposto per le classi seconde della scuola media pressoil nostro Istituto. La formula di concentrare in unica giornata  le diverse attività ha permesso ai ragazzi di immergersi in questo tema favorendo così un maggiore coinvolgimento. Dopo un’introduzione generale e una breve presentazione dell’associazione le operatrici di Workabile hanno suddiviso le quattro classi in due gruppi: un gruppo ha iniziato la visita nel quartiere sperimentando da vicino alcuni strumenti che le persone diversamente abili hanno a disposizione: sia un bastone in uso ai non vedenti e una sedia a rotelle; in entrambe le simulazioni, grazie alle indicazioni delle operatrici e alle osservazioni dei ragazzi dei ragazzi stessi, quest’ultimi si sono resi conto della difficoltà nell”affrontare la quotidianità della disabilità, i ragazzi hanno potuto così riflettere sul loro modo di rapportarsi ai loro coetanei che vivono disabilità fisiche e soprattutto hanno visto con i loro occhi come il quartiere non facilita la vita di queste persone, difficoltà che sono a volte incrementate anche dalla mancanza di attenzione a riguardo da parte dei cittadini. Il secondo gruppo invece è rimasto a scuola: con l’aiuto delle operatrici e dei docenti, i ragazzi hanno potuto ragionare su cosa significasse INCLUDERE e rendere un luogo ACCESSIBILE. Dopo un primo lavoro di gruppo, con l’utilizzo della tecnica del brainstorming, in cui hanno scritto su un cartellone ciò che secondo loro volessero dire queste due parole, sono stati alternati momenti di dialogo alla visione di video suggestivi. I ragazzi si sono lasciati andare in domande, riflessioni, racconti personali… Le tematiche affrontate sono state l’accettazione, l’inclusione, disabilità motoria, cognitiva e sensoriale… I due gruppi si sono alternati in entrambi le attività. Il tutto si è concluso con momento di restituzione delle esperienze vissute dai ragazzi e con una lettura tratta dal testo ‘Faccio salti altissimi’ di Iacopo Melio. Ringraziamo l’associazione Workabile nella persona di Giulia Marsella che ha coordinato il gruppo delle giovani operatrici nell’attesa di averle presto tra noi.